Rosa Parks dice no e sale sull’albero delle persone giuste

Rosa Parks dice no e sale sull’albero delle persone giuste

La classe V A Da Verrazzano ha letto il libro «Rosa Parks. Il NO che cambiò la storia» di Sabina Colloredo (Edizioni EL, Trieste 2017).
A volte per cambiare la storia non sono necessarie guerre, rivoluzioni o grandi invenzioni; in alcuni casi basta un “NO”, una ribellione pacifica alle ingiustizie.

Nel 1955, in Alabama, uno stato del Sud degli Stati Uniti, nonostante la schiavitù fosse stata abolita dai tempi del presidente americano Abraham Lincoln da quasi un secolo, continuava ad esserci la segregazione razziale. I neri venivano considerati inferiori ai bianchi, non avevano gli stessi diritti e dovevano vivere separati: non potevano frequentare gli stessi bar o ristoranti, né gli stessi cinema; i bambini di colore non potevano andare a scuola con i loro compagni con la pelle chiara e sull’autobus, anche gli anziani neri dovevano alzarsi per far sedere i bianchi.

La legge non era uguale per tutti: le violenze dei bianchi contro i neri non erano mai punite, gli uomini del Ku Klux Klan continuavano a fare violenze sulla popolazione nera, come se la schiavitù non fosse mai stata abolita.
Nel 1955 Rosa Parks, una signora di 42 anni, stufa di vedere gli afroamericani trattati come esseri inferiori, si rifiutò di cedere il suo posto sull’autobus a un bianco. L’autista la minacciò e chiamò la polizia: lei rimase tranquilla e si lasciò arrestare. Voleva finalmente fare la cosa giusta.


Il suo esempio è stato seguito da migliaia di persone che, per sostenerla, per un anno si sono rifiutati di prendere l’autobus, rischiando di far fallire l’azienda dei trasporti.
Dopo questa rivolta pacifica, iniziata da Rosa Parks, la segregazione razziale sugli autobus fu abolita e per questo abbiamo pensato di metterla nell’ ”Albero delle persone giuste”: avere il coraggio di ribellarsi ad una legge ingiusta non è una cosa da tutti.


Federico S., Max, Lucia, Alice, Niccolò, Mattia e Vittoria, Classe V A, Scuola Primaria Da Verrazzano
Illustrazioni a cura di Niccolò, Max, Matteo.

redazioneminiscoop
redazioneminiscoop@gmail.com
4 Comments
  • Miriam Stagi
    Posted at 14:09h, 07 aprile Rispondi

    Bravi ragazzi! Il testo fa riflettere e le illustrazioni sono molto espressive!

    • Alice
      Posted at 18:46h, 10 aprile Rispondi

      Il disegno di Niccolò e proprio bello, lo ha fatto benissimo

      ALICE E MATILDE

  • Artur
    Posted at 16:46h, 11 aprile Rispondi

    È un esempio da imitare!
    Anche tra bambini possiamo fare una ribellione pacifica ad esempio quando si formano gruppi di bulletti ☺💚

  • VITTORIA G. 5A
    Posted at 19:19h, 11 aprile Rispondi

    a me piace molto vedere il mio nome sugli autori.
    Comunque Rosa Parks è un grande esempio da imitare.

Post A Comment